panorama
Ciociare

La Ciociaria da scoprire tra storia, arte, cultura e natura

Il fascino dei borghi medioevali che si ergono sui colli immersi nel verde della natura, lo spettacolo delle cascate e dei laghi in un mix di colori ed emozioni, l'arte e la cultura che hanno fatto la storia in Italia e nel Mondo

CLIMATOLOGIA

La Ciociaria ed il suo clima


Una delle caratteristiche fondamentali che contraddistingue la nostra Italia dal resto del continente europeo è la conformazione fisica molto particolareggiata.Oltre ad essere posizionata lungo la fascia temperata dell'emisfero boreale e quindi mutevole dei repentini cambi climatici a seconda delle stagioni, è anche per gran lunga circondata dalla presenza del mare Mediterraneo il quale contribuisce a mantenere un tempo mite e unico nel suo genere: il clima mediterraneo.

Estati calde si alternano ad inverni mai troppo freddi se non in rare occasioni, mentre le “mezze stagioni” sono caratterizzate dalla presenza di estrema variabilità con piogge talvolta copiose a carattere prevalentemente temporalesche.L’energia accumulata dal mare viene tramutata in precipitazioni importanti che colpiscono fette di territori a seconda del tipo di correnti presenti al suolo; ma non sempre è così: la dinamicità atmosferica influenza e non di poco le condizioni climatiche generali. Infatti la presenza di rilievi montuosi Alpini ed Appenninici mutano e non di poco il tempo anche a distanza di pochi chilometri.

Se le correnti di natura continentale determinano precipitazioni lungo la fascia adriatica, il libeccio al contrario favorisce piogge abbondanti sul versante tirrenico, mentre le correnti sciroccali portano precipitazioni sulle zone ioniche e regioni padane versante nord e così via. Già con questi presupposti, a scala nazionale, una previsione meteo è di per se di difficile interpretazione, ma a rendere ulteriormente gravoso il compito del meteorologo sono soprattutto i microclimi localizzati in porzioni di territorio limitato ai quali si attribuiscono i nomi climatici a seconda della zona di riferimento.Tra i tanti microclimi esistenti in Italia, uno in particolare ci fa orgogliosi quale quello Ciociaro.

Il clima in Italia

Classificazione

classificazione climatica nazionale

La carta climatica d’Italia mostra la suddivisione per regioni climatiche che viene commentata qui di seguito.
Regioni litoranea ligure-tirrenica, medio adriatica e ionica

Temperato subtropicale (CS)
Interessa le aree più calde di ristrette fasce costiere dell’Italia meridionale ed insulare. Media annua > 17°C; media del mese più freddo > 10°C; 5 mesi con media > 20°C; escursione annua da 13°C a l7°C.
Temperato caldo (Cs)
Interessa la fascia litoranea tirrenica dalla Liguria alla Calabria, la fascia meridionale della costa adriatica e la zona ionica. Media annua da 14.5 a 16.9°C; media del mese più freddo da 6 a 9.9°C; 4 mesi con media > 20°C; escursione annua da 15 a 17°C.

Regione sublitoranea interna

Temperato sublitoraneo (Cs)
Interessa le zone collinari del preappennino tosco-umbro- marchigiano ed i versanti bassi dell’Appennino meridionale. Media annua da 10°C a l4.4°C; media del mese più freddo da 4°C a 5.9°C; 3 mesi con media > 20°C; escursione annua da 16°C a 19°C.

Regione padano veneta, alto adriatica e peninsulare interna

Temperato subcontinentale (Cf)
Interessa parte della pianura veneta, la pianura friulana, la fascia costiera dell’alto adriatico e la peninsulare interna. Media annua da 10°C a 14°C; media del mese più freddo da -1 a 3.9°C; 2 mesi con temperatura > 20°C; escursione annua da 16 a 19°C.
Temperato continentale (Cf)
Interessa tutta la pianura padana e parte di quella veneta. Media annua da 9.5 a 15°C; media del mese più freddo da -1.5 a 3°C; 3 mesi con media >20›; escursione annua > 19°C.

Regione prealpina e medio appenninica

Temperato fresco (Cf)
Interessa le prealpi e la zona assiale dell’Appennino che talora presenta caratteristiche subcontinentali. Media annua da 6 a 9.9°C; media del mese più freddo da 0 a -3°C; media del mese più caldo da 15 a 19.9°C; escursione annua da 18 a 20°C.

Regione alpina e alto appenninica

Temperato freddo (Dw)
Interessa una fascia delle Alpi e le aree sommitali dei maggiori gruppi appenninici. Media annua da 3 a 5.9°C; media del mese più freddo <-3°C; media del mese più caldo da 10 a 14.9°C; escursione annua da 16 a 19°C.

Regione alpina

Freddo d’altitudine (H)
Interessa le zone alpine al di sopra dei 2000 m. Media annua <0›; media del mese più freddo <-6°C; media del mese più caldo < 9.9°C; escursione annua da 15 a 18°C.
Nivale (EF)
Interessa la zona delle Alpi oltre i 3500 m. con neve perenne. Media annua

La Ciociaria è una zona che si estende per quasi tutta la provincia di Frosinone e prende il nome dagli antichi popoli che la abitavano con le loro caratteristiche calzature con punta rialzata e legate con lunghe stringhe fin sulle gambe altrimenti dette “Ciocie”. Il territorio è quasi del tutto circondato da catene montuose importanti ed alcune imponenti come quelle a confine con l’Abruzzo. Sono presenti i Monti Ernici a nordest, i monti Marsicani/Mainarde ad Est i Lepini ad ovest, gli Aurunci ed Ausoni a sud.

Nel suo interno il fiume Liri poi Garigliano nel cassinate, il Sacco, il Melfa ed altri torrenti minori attraversano un vasto territorio pianeggiante e verdeggiante come la Valle del Sacco, il Sorano, ed il Cassinate intervallati da gruppi di colline medio-basse. Da questo quadro fisico territoriale si desume come la presenza di catene montuose crei nel suo interno un territorio pianeggiante che assume caratteristiche di clima simile a quello continentale. Il mare a 50km durante la stagione invernale non riesce a mitigare le suddette aree in quanto i Lepini e gli Aurunci creano una barriera contro l’arrivo franco delle correnti occidentali, determinando così estese gelate che si conservano anche nelle ore diurne durante i periodi anticiclonici.

foto a cura: www.panoramio.com

Le temperature minime raggiungono con facilità valori sotto lo 0°C con record rilevabili nella storia recente di -17/-19°C dell’85. Fenomeno rilevante sempre nella stagione invernale è la presenza di nebbie persistenti anche durante le ore diurne le quali contribuiscono a mantenere basse le temperature ed in particolar modo nella media Valle del Liri, pianura del cassinate, Valle del Sacco, al contrario dei rilievi che con il fenomeno dell’inversione termica registrano valori termici superiori anche di parecchi gradi. Situazione interessante è la formazione del cuscinetto di aria fredda ovvero la conservazione di uno spessore di aria molto fredda nei strati medio bassi dell’atmosfera intrappolata per la presenza di catene montuose; con l’arrivo delle perturbazioni di origine atlantica, si attivano correnti sudoccidentali miti le quali si trovano costrette ad aggirare i sistemi montuosi senza così poter mitigare l’interno ciociaro dove permane per molte ore (fino a 12/18h) un cuscino di aria fredda con temperature di molto inferiori rispetto alle altre aree confinanti come ad esempio il romano, il pontino o il reatino. In alcuni casi (spesso fino ad una decina di anni fa) si creano i presupposti per vedere abbondanti nevicate scendere fino a quote basse/pianeggianti con successiva rapida fusione e trasformazione in piogge a causa dell’assottigliamento del cuscino gelido preesistente.

Il clima ciociaro risente anche delle conseguenze operate dal vento di tramontana il quale molto spesso si presenta foenizzato ovvero secco e leggermente mitigato a causa dell’effetto caduta procurato dalla presenza degli appennini sul suo lato orientale. La presenza di tale vento determina giornate pressoché soleggiate con temperature superiori alle medie nei valori minimi. Poche le situazioni in cui ha visto nevicare durante la presenza di venti settentrionali o orientali se non al limite delle zone più orientali quali il Sorano, la Valcomino e la zona di Cervaro con bufere di neve senza particolari accumuli. L’estate ciociara si presenta con connotati di caldo torrido. Le temperature raggiungono spesso valori intorno i 35° con picchi massimi storici di 40/42°. Ma grazie alla presenza di rilievi e di corsi fluviali importanti spesso si verificano formazioni di imponenti sistemi nuvolosi in grado di determinare rovesci temporaleschi localizzati anche durante periodi anticiclonici. In situazioni di correnti instabili durante la bella stagione, il frusinate subisce l’onta di temporali di forte intensità accompagnati da folate di vento burrascoso. Non rara la presenza di eventi vorticosi e di trombe d’aria specie nell’area del cassinate e della valle del sacco.

Le stagioni più piovose sono quelle intermedie con prevalenza autunnale dove con l’arrivo di perturbazioni atlantiche si attivano correnti meridionali le quali ammassano umidità e nuvolosità lungo il versante appenninico interno con conseguenti piogge abbondanti e folate di vento. Più riparate dai venti ma non dalle precipitazioni sono le zone più orientali. I percorsi fluviali spesso incontrano difficoltà a defluire le abbondanti precipitazioni tanto da determinare occasionali esondazioni come quelle relative al bacino del Liri-Garigliano. Medie precipitativi compresi tra i 1100 ed i 1600 mm annui.

Da un progetto di MNWLazio – Redazione a cura di Rossano Scala